mercoledì 23 aprile 2008

mango si può paragonare a una delle 15 pietre di un giardino Zen: quella che, guardandola, nasconde tutte le altre

3 commenti:

Arianna,  8 dicembre 2008 00:40  

il mango è così affezionato alla sua natura minerale che si ritiene un novello rolling stone, una pietra rotolante che rotolando rotolando frana i suoi ordini ai suoi adepti...se sei nel suo sito e non ti omologhi ti tirano le pietre, se vai via ti tirano le pietre...qualunque cosa fai...dovunque te ne vai...sempre pietre in faccia prenderai...sarà così...finchè dissentirai....
postato da Arianna il 23/04/2008 09:36

papero solitario,  8 dicembre 2008 00:40  

e siamo tornati come per incanto all'età della pietra, dove già il mango con la sua presenza dava indicazioni per la buona riuscita del pianeta terra...

PURTROPPO GLI OPERAI ADDETTI ALLE OPERE, A FURA DI VEDERE SOLO LUI E NESSUN'ALTRA PIETRA, OGNI TANTO NE SCHIACCIAVANO UNA DELLE ALTRE.
Così nacque la sabbia, che col calore diventa vetro, che serve per vedere il mango ma nn toccarlo... si dovesse sciupare!

:D
postato da paperosolitario il 23/04/2008 10:19

kuskus,  8 dicembre 2008 00:40  

in realtà la pietra che oscura tutte le altre è stata solo la prima, perchè quando uno è religioso sa bene che chi è senza peccato deve scagliarla.
L'innocente non aveva mai lapidato nessuno.
In compenso aveva de-lapidato tutto!
postato da kuskus il 11/05/2008 20:29

Posta un commento

Social+Vocalizzo=Socializzo

ARCHIVIO FACT

Subscribe in a Reader

  © Blogger template Starry by Ourblogtemplates.com 2008

Back to TOP